Mangiare sano è anche questione di tempo
Mangiare sano è anche questione di tempo
22 Febbraio 2021

Per l’insonnia, ci sono cibi da evitare e altri da preferire.

L’insonnia può essere causata da tanti fattori, tra cui anche lo stress, l’ansia, la depressione.

L’alimentazione può diventare un piccolo, ma valido aiuto.

E’ bene evitare il caffè e il tè.

La caffeina può infatti, interferire con il ciclo del sonno.

Limitare molto il sale, che stimola le ghiandole surrenali, come la caffeina.

L’alcol o un pasto abbondante possono compromettere il ciclo del sonno.

Per combattere l’insonnia e facilitare invece, il sonno, è importante assumere alimenti ricchi di triptofano.

E’ un aminoacido che si trasforma in serotonina, precursore della melatonina.

Lo troviamo nel latte, nei cereali, legumi, semi di sesamo, mandorle, banane.

Ecco allora, che il consiglio per dormire meglio, di bere latte con un po’ di miele alla sera, trova la sua ragione nel ricco contenuto di triptofano.

Lo stesso si trova anche nei cereali, come pasta o riso.

Anche la frutta dolce, banane, datteri, fichi, favoriscono la rapida trasformazione di questo aminoacido in serotonina.

E’ importante che la dieta sia varia e tale da fornire, vitamine del gruppo B, magnesio, acido folico, tutti elementi necessari al corretto funzionamento nervoso.

Utile aggiungere semi di zucca a minestre e/o a insalate.

Sono ricchi di magnesio, fosforo, ferro e zinco.

Aiutano a combattere la stanchezza mentale e l’irritabilità.

A metà mattina o pomeriggio si può assumere il succo di mela, ricco di bromo, è un minerale che interviene nella stabilità emotiva.

Mela e anche una manciata di anacardi ricchi di zinco, magnesio e fosforo, sono una buona merenda per nutrire i nervi .

Per dormire meglio è importante muoversi, anche “solo” camminando.

Con costanza e regolarità, l’attività fisica favorisce la liberazione di endorfine, che hanno effetto calmante.