calcio e ossa
Calcio e ossa
23 Settembre 2018
Prevenzione
Prevenzione
4 Novembre 2018

Credo fermamente nell’ importanza della prevenzione, conservare un buono stato di salute è un compito che noi medici abbiamo il dovere di garantire e promulgare.

Detto questo, nonostante l’ampia diffusione di informazioni, relative al danno che il sovrappeso e l’obesità soprattutto causano, molti ancora sottovalutano i rischi legati all’ eccessivo introito di alimenti.

Il cibo, bene assoluto senza il quale non potremmo vivere, se assunto in modo disordinato, è spesso causa di problemi alla salute.

Nelle fasi ancora iniziali di malesseri funzionali, come difficoltà a digerire, cefalee postprandiali, alterazioni della funzionalità dell’intestino, l’alimentazione corretta può già di per sé, essere in grado di correggere il disagio avvertito.

Quindi misure solo nutrizionali, possono essere in grado di evitare i farmaci.

Una corretta alimentazione, basata sulle caratteristiche individuali  (metabolismo basale, stile di vita, età, sesso, eventuali intolleranze) è in grado, se abbinata anche ad esercizio fisico, di mantenere in buona salute il nostro organismo.

Non esistono cibi dannosi, la nostra saggezza ci deve aiutare nell’assumere con  equilibrio quegli alimenti che sappiamo essere di più elaborata digestione.

La giusta misura nelle cose, deve orientare anche la scelta degli alimenti che si vogliono assumere.

Parlo dei grassi saturi, presenti nei formaggi stagionati, burro, fritti, carni rosse, dolci. Vanno assunti con moderazione, per far sì che non danneggino le arterie, compromettano se in eccesso, il corretto funzionamento del fegato, dell’intestino, provochino l’aumento del colesterolo “cattivo”, dei grassi nel sangue, dell’acido urico.

Ci si può ammalare di meno migliorando l’alimentazione.

Senza sacrifici, senza rinunce, senza fame, con la consapevolezza che mangiare sano è condizione prioritaria per mantenere il corpo in buona salute.

La presenza di sovrappeso deve essere già allarme di qualcosa che sta sfuggendo di mano.

Prendere coscienza e avere il coraggio di riconoscere il problema, è il primo fondamentale passo per ottenere un risultato duraturo nel tempo.

Sono dell’avviso che invece di assumere farmaci per il controllo della pressione, per la fluidità del sangue, per l’intestino “pigro”, per le difficoltà a digerire, per il diabete, sarebbe auspicabile prevenire e risolvere con un corretto stile di vita, tali problemi.