ossa e articolazioni
Ossa e articolazioni
29 Agosto 2017
menopausa e alimentazione
Menopausa e alimentazione
15 Ottobre 2017

 

Emicrania  Come aiutarsi a tavola

 

Il termine emicrania, significa metà cranio, viene dal greco Emicranion.

L’emicrania è un mal di testa, su base vascolare, provocata dalla vasodilatazione o vasocostrizione dei vasi sanguigni del cranio.

Spesso si presenta con  disturbi alla vista, lacrimazione e fastidio alla luce, può essere accompagnato da

disturbi gastrointestinali, nausea, vomito, stitichezza.

Può durare alcune ore o giorni.

La forma  ereditaria è frequente, altre cause possono essere lo stress, squilibri ormonali, mestruazioni, contraccettivi orali, disturbi al fegato, farmaci, disturbi del tubo digerente, del sistema nervoso, ipoglicemia.

Alcuni alimenti, possono avere un ruolo scatenante,  il caffè e il cioccolato, gli alimenti che contengono solfiti (birra, vino), il glutammato monosodico (presente in alcuni dadi), i formaggi stagionati, possono favorire in soggetti predisposti un attacco di emicrania.

L’insonnia, la stanchezza cronica, i problemi di stitichezza, sono causa a volte di emicrania.

Per quanto attiene l’alimentazione, è utile evitare gli alimenti che possono scatenare il dolore, per esempio i salumi, gli insaccati, il vino, i formaggi stagionati, il tè, il caffè, cioccolato, anche il lievito alimentare.

Evitare alimenti con glutammato monosodico, solfiti e i fritti.

L’alimentazione deve essere leggera, pasti a base di cereali, riso o pasta e verdure, conditi con olio extravergine di oliva, proteine come il pesce o i legumi, frutta a guscio, verdure fresche di stagione.

Evitare bibite gasate, zuccherate.

Può risultare utile, assumere i  centrifugati di frutta e/o verdure.

Sono facilmente digeribili e i nutrienti contenuti si assimilano rapidamente.

Meglio assumerli mezzora prima del pasto.

Molto importante è il riposo e il rilassamento.

Per  migliorare la qualità del sonno è utile svolgere attività fisica,  passeggiare all’aria aperta, fare yoga, o altre forme di ginnastica dolce.

Per aiutare il sonno si può assumere la sera, tisane a base di camomilla, verbena, tiglio e passiflora.